Stai organizzando un viaggio in Calabria? Dai un'occhiata alla mia guida in pdf!

Trekking nel Parco del Pollino: 4 escursioni per gli amanti della montagna

Home 9 Trekking 9 Trekking nel Parco del Pollino: 4 escursioni per gli amanti della montagna
4 Giugno 2023
trekking escursioni pollino

Quando pensi alla Calabria il primo pensiero che ti viene in mente è il mare. Sì, è vero, 780 km di costa non sono pochi, ma la Calabria è una delle tre regioni italiane insieme ad Abruzzo e Sardegna ad avere ben tre parchi nazionali: Pollino, Sila ed Aspromonte.

Da grande appassionata di sport e lunghe camminate, oggi ti propongo quattro percorsi di trekking nel Parco Nazionale del Pollino, Patrimonio Unesco che con i suoi 192.000 ettari è anche l’area naturalistica protetta più grande d’Italia. Un’oasi incontaminata dove regna il pino loricato, il fossile vivente in grado di sopravvivere sulle aspre vette dell’Appennino Calabro-Lucano.

Escursioni sul Pollino: itinerari da non perdere

Reflex, zaino, snack energetici e tanta acqua. Questo è quello che ti serve per immortalare le bellezze di questo paradiso per sportivi e fotografi.

Premetto che sono tutti percorsi, ad esclusione dell’ultimo che spero di riuscire a fare prima o poi.

1. Il Giardino degli Dei

Photo credits Saverio Corigliano

Non posso che iniziare da uno dei luoghi magici del Parco Nazionale del Pollino: il Giardino degli Dei, nei pressi di Serra di Crispo, dove si trovano gli esemplari più belli e vetusti di pino loricato.

Il trekking inizia da Colle Impiso, punto di partenza per molti itinerari nel cuore del parco, a quota 1573 metri. Si raggiungono i Piani di Pollino, dove si apre una splendida vista sulle principali vette che superano i 2000 metri: Monte Pollino, Serra Dolcedorme, Serra del Prete, Serra delle Ciavole, Serra di Crispo. In alternativa puoi partire dal Santuario della Madonna del Pollino che si trova a Mezzana, frazione del comune di San Severino Lucano.

Informazioni pratiche

  • Livello: E
  • Durata: 6 ore 
  • dislivello: 790 metri

2. La Cresta dell’Infinito

Photo credits Saverio Corigliano

Tra tutte le escursioni sul Pollino questa forse è la più tosta insieme a quella del Serra Dolcedorme: copre una distanza di circa 15 km tra andata e ritorno e viste le premesse mette a dura prova anche i più allenati.

Il sentiero 941 parte da Colle Marcione, sopra il borgo di Civita, a quota 1227 metri dove è situato l’omonimo rifugio. Attraversi la faggeta della Fagosa fino a raggiungere Piano del Ratto. Da qui devi camminare a ritroso verso est per incontrare una vecchia mulattiera che ti permette di raggiungere la cresta a quota 1700 metri nei pressi della Timpa del Principe. Ancora un altro po’ di sforzo per raggiungere la Manfriana, a quota 1.851 metri. Avrai davanti a te una vista a 360° che spazia su parte della Lucania, sul bosco della Fagosa e le Timpe sul Canyon del Raganello, sulla Piana di Sibari fino allo Ionio, sui Monti dell’Orsomarso fino al Cocuzzo. 

Informazioni pratiche

  • Livello: EE (escursionisti esperti)
  • durata: 8 ore
  • dislivello: 790 metri

3. Dal Santuario della Madonna delle Armi al Monte Sellaro – Cerchiara di Calabria

Questa volta ci spostiamo a Cerchiara definita la porta spirituale della Sibaritide per la presenza del Santuario di Santa Maria delle Armi, completamente incastonato nella roccia.

Il percorso inizia dal Monastero bizantino. Da qui ti incammini lungo il sentiero che sale a sinistra e dopo qualche tornante ti inoltri nel bosco dei pini fino ad arrivare al Passo del Panno Bianco. Raggiunta la sella gira a sinistra e sali fino in cima al Monte Sellaro a quota 1439 metri. Da qui hai una visione di tutto il versante orientale del Parco, i monti dell’Orsomarso e tutta la piana di Sibari.

Informazioni pratiche

  • Livello: E (escursionistica)
  • durata: 4 ore circa 
  • dislivello: 450 metri

4. Serra Dolcedorme

Ecco l’ultimo percorso di trekking che ti suggerisco di fare se ami stare nella natura del Parco Nazionale del Pollino. È difficile non tanto per il dislivello quanto per la lunghezza, che ad oggi, dopo aver camminato per 28 km, non mi fa paura, ma quando l’ho fatto a giugno del 2019 è stato abbastanza tosto.

Si tratta di un itinerario di 20 km e quasi dieci ore di cammino, ma la fatica ti ripagherà alla grande perché raggiungerai il Serra Dolcedorme che con i suoi 2.267 metri è la vetta più alta del Meridione.

Anche in questo caso puoi partire da Colle Impiso. Attraversi la faggeta del sentiero dei Carbonai e poi dopo aver attraversato i Piani di Vacquarro arrivi a Piano Gaudolino. Da lì sali verso la Dolina del Pollinello, Colle del Malevento e poi finalmente sei in cima. Ora non ti resta che goderti il panorama più bello che vedrai nella tua vita e firmare il libro di vetta.

Se vuoi approfondire ti lascio leggere l’articolo dedicato:

Escursione sul Serradolcedorme

Informazioni pratiche

  • Livello: EE (escursionisti esperti)
  • Durata: 8/10 ore
  • Dislivello: 700 metri

Come organizzare le escursioni

Se vuoi seguire questi sentieri ti consiglio di affidarti a Gaetano Sangineti, guida ufficiale del Parco Nazionale del Pollino, e uno dei professionisti che fa parte della rete di guide e associazioni che ho scelto come punto di riferimento.

Contatti:

Sito web: discoverpollinodestinazionepollino

Tel. +393495346434

email: gaetanosangineti@gmail.com

Pagina FacebookProfilo Instagram

Vuoi altri suggerimenti per le tue escursioni in Calabria? Leggi anche qui:

Trekking in Calabria: 18 escursioni in luoghi fuori dall’ordinario

Stai organizzando un viaggio in Calabria o hai la curiosità di scoprire ancora meglio la tua terra?

Dai un’occhiata alla guida in pdf che ho preparato per te! Trovi itinerari, borghi, percorsi di trekking e tante esperienze uniche che come calabrese vivo e respiro ogni giorno.

guida turistica calabria pdf
Ciao!

Ciao!

Mi chiamo Luigina, dal 2016 racconto e promuovo senza sosta il mio posto nel mondo, la Calabria, che esploro con gli occhi e il cuore di una viaggiatrice.

La mia missione è raccontare la vera anima di questa terra a te che sei in partenza per le vacanze e hai il desiderio di esplorarla nella sua vera intimità. A te che come me vivi qui oppure stai lontano. Voglio donarti nuovi occhi e quella giusta dose di consapevolezza per scoprirla, ritrovarla e innamorarti, come fosse la prima volta. Ti racconto di me.

Ti è stato d’aiuto questo articolo?

Se vuoi sostenere il mio progetto e aiutarmi a portare avanti la mia grande missione offrendomi un caffè virtuale te ne sono veramente grata!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli che potresti leggere

error: Tutti i contenuti di questo sito web sono protetti da diritti di copyright!